Parliamo di… scelte

Por Jeremy Godwin

Quali sono le scelte salutari e come si fanno scelte più intelligenti per il proprio benessere? È ciò di cui parlo questa settimana su… Parliamo di Salute Mentale — il podcast settimanale sulla cura della tua salute mentale, con idee semplici che puoi mettere in pratica sin da subito.

Quindi, mettiti comodo e parliamo di salute mentale…

Ascolta ora l’episodio del podcast nel lettore Spotify di seguito o continua a leggere per la trascrizione completa.

Trova collegamenti ad altri servizi di podcasting disponibili qui. Nota: l’audio dell’episodio è disponibile solo in inglese.

Oltre al mio podcast, pubblico video sul mio canale YouTube ogni mercoledì (martedì pomeriggio in Nord/Sud America). Questa settimana: 6 modi per essere più accettanti per una migliore salute mentale (in inglese, con sottotitoli in inglese).

Guarda la puntata di questa settimana qui sotto o visita il canale su YouTube:

Questo episodio del podcast è stato originariamente rilasciato il 12 giugno 2022.

Ciao e benvenuto all’Episodio 135 e grazie mille per esserti unito a me!

Sono Jeremy Godwin e parlo di come prendersi cura della propria salute mentale. Ho avuto un esaurimento nervoso nel 2011 che mi ha portato ad un periodo di grave ansia e depressione, e questo mi ha fatto intraprendere in viaggio per saperne di più sulla mia salute mentale. Così ho cominciato il mio percorso e ho preso una laurea in psicologia e sociologia, e ora mi dedico a fornire ciò che non riuscivo a trovare quando ne avevo bisogno: semplici consigli su come prendersi cura di sè e migliorare il proprio benessere mentale, da qualcuno che capisce davvero cosa si prova a vivere momenti di crisi e sfide quotidiane. In ogni episodio mi concentro su un argomento specifico ed esamino in che modo migliorare quell’aspetto del tuo benessere.

Questo episodio riguarda le scelte e parlerò di cosa sono le scelte, perché le scelte che prendi contano e come fare scelte sane per il tuo benessere. Allora, parliamo!

Prima di andare oltre, devo fare un grande annuncio: uscirà un mio libro il 7 luglio da ora lo puoi preodrinare! Il libro si chiama Let’s Talk About Mental Health (Volume One) ed è una raccolta di alcuni dei miei episodi precedenti con l’aggiunta di materiale nuovo contenuti extra. Ho realizzato il libro in modo che sia molto focalizzato sull’aiutarti a navigare attraverso diversi aspetti della tua salute mentale e del tuo benessere in modo ponderato e riflessivo. Puoi trovare il link nella descrizione dell’episodio per preordinarlo ora (o andare al mio sito Web all’indirizzo lettalkaboutmentalhealth.com.au) e apprezzerei davvero il tuo supporto nel preordinarlo; inoltre, una volta pubblicato, mi farebbe piacere se gli dessi una recensione a cinque stelle su qualsiasi piattaforma da cui l’hai acquistato. Ho molte novità in arrivo nei prossimi 12 mesi, quindi se vuoi rimanere aggiornato iscriviti alla mia mailing list sul mio sito web (e, di nuovo, è collegato nella descrizione dell’episodio). OK, quindi ora avanti con l’argomento di questa settimana sulle scelte…

Introduzione

Facciamo centinaia, probabilmente migliaia, di scelte ogni singolo giorno, e ogni scelta determina cosa succede dopo in un certo senso, anche le scelte più piccole che facciamo… è come un libro Scegli la tua personale avventura, ma solo su scala molto più ampia (e con molta meno frustrazione; se hai mai letto uno di quei libri, saprai quanto possono essere fastidiosi alcuni finali!). Le scelte che facciamo possono modellare le nostre vite in modi che non comprenderemo mai completamente, e molto spesso è solo dopo mesi o addirittura anni, che possiamo vedere il quadro più ampio e capire come una singola scelta può cambiare il corso della nostra intera vita.

Come molti di voi, ho fatto molte scelte nella mia vita: alcune buone, altre nella media e altre decisamente terribili. Non farmi parlare di alcune delle scelte sul taglio di capelli che ho fatto nel passato… Sono sicuro che tutti noi abbiamo foto del nostro profondo passato che preferiremmo fingere semplicemente che non esistano. Forse un giorno condividerò le mie, ma oggi non è certo quel giorno!

Quando si tratta delle scelte che facciamo, c’è un’enorme differenza tra l’essere in grado di riconoscere quando forse non è stata la scelta migliore, in modo da poter imparare da essa, e rimpiangere le scelte fatte; i rimpianti ti tengono bloccato nei sentimenti negativi, mentre l’accettazione e la scelta di imparare dalle nostre azioni ci permette di crescere ed evolvere.

Ora, prima di andare oltre, devo ammettere che questa cosa delle “scelte” è qualcosa di cui parlo molto in questo podcast e ne ho parlato anche in altri due episodi (ho parlato di scelta nell’episodio 50 e poi di scelte difficili nell’episodio 89), quindi voglio dire in anticipo che non ho intenzione di ripetere le stesse cose che ho detto in quegli episodi, tuttavia ci sono alcuni messaggi chiave che penso siano le basi per ciò di cui tratto oggi, che sono questi quattro punti:

  1. In tutte le cose abbiamo una scelta,
  2. Infatti, nella vita è tutto questione di scelte,
  3. Il modo in cui scegliamo di reagire modella ciò che accadrà dopo e…
  4. Sii consapevole e conscio delle tue scelte.

Allora, in che modo si differenzia questo episodio? Quello precedente era focalizzato sull’aiutarti ad accettare il fatto che sei sempre tu a scegliere di fare o non fare qualcosa; questo riguarda l’essere in grado di assicurarti che le scelte che fai siano sane.

OK, quindi cominciamo con alcune definizioni e parliamo di…

Cosa sono le scelte?

E la definizione più semplice è fare una selezione tra due o più opzioni possibili, come scegliere se restare o andare o se scrivere il tuo episodio del podcast o guardare YouTube (per fortuna ho scelto di scrivere, così non ho finito per rendermi la vita ancora più difficile!). 

Al di là di quella definizione di base delle scelte, voglio parlare di cosa significa scelte sane. In generale, quando parliamo di scelte sane, le cose che ci vengono in mente sono: seguire una dieta equilibrata, svolgere esercizio fisico regolarmente, bere molta acqua ecc. – e sono tutte ottime, tuttavia sono molto concentrate sull’aspetto fisico (che è importante, dal momento che la tua salute fisica ha un effetto diretto sulla tua salute mentale e viceversa) però, con una visione più ampia in termini di benessere generale, penso che possiamo considerarle dal punto di vista dei tre fondamenti del benessere, di cui parlo molto in questo show: le scelte sane sono quelle che non ti recano dolore, che sono gentili con te e che servono a dare più di quello che ricevi da te stesso. Potrebbe sembrare molto filosofico (e probabilmente è così perché un po’ lo è), ma lascia che te lo ripeta: le scelte sane sono quelle che ti preparano al successo e ti aiutano a lavorare per raggiungere i migliori risultati possibili nella vita.

Pensala in questo modo: data la possibilità di scegliere tra fare qualcosa che ti avvantaggerà a breve termine ma che potrebbe danneggiarti a lungo termine, o scegliere qualcosa che sarà migliore per il tuo benessere a lungo termine, spero sia abbastanza ovvio che solo una di queste è una scelta salutare (e non è la prima). Mi ricorda quel vecchio detto, “bruning the furniture to stay warm” (bruciare i mobili per stare al caldo): se fai scelte che si concentrano solo su come soddisfare i tuoi bisogni in questo momento presente senza pensare alle conseguenze, ti renderai la vita molto più difficile in futuro (inoltre, se bruci tutti i tuoi mobili, non avrai niente su cui sederti, quindi sarà interessante quando le persone verranno a trovarti e tu dovrai sederti sul pavimento perché tu’ sei un piromane che non riesce a pensare al futuro…!).

Quando parlo di scelte e del tuo benessere, parlo di tutte e sei le aree del benessere: fisico, mentale, spirituale, sociale, emotivo e finanziario. Inoltre, aggiungerei anche il lavoro come settimo aspetto della tua vita da tenere in considerazione (sebbene sia collegato ad alcune di queste aree) e lo dico principalmente perché passiamo così tanto della nostra vita sul lavoro, che penso che abbia bisogno di essere preso in considerazione per prendere scelte sane anche sul posto di lavoro. 

Prima di capire come farlo, scaviamo un po’ più a fondo e parliamo di…

Perché le tue scelte contano

E questa è la parte dell’episodio in cui di solito dico qualcosa di abbastanza ovvio in un modo molto schietto, e la puntata di oggi non farà eccezione: le tue scelte contano perché scelte malsane porteranno a risultati malsani, mentre le scelte sane portano a risultati sani nel tempo. O, per dirla in altro modo, se vuoi che le cose cambino in meglio, dipende interamente da te e dalle scelte che fai.

Vuoi una migliore salute fisica? Scegli di mangiare meglio e muovere di più il tuo corpo. Vuoi una migliore salute mentale? Lavora per migliorarla un po’ alla volta, sii consapevole di ciò che ammetti nella tua vita, rimuovi le influenze negative ed evita situazioni negative e chiedi aiuto per ciò che non puoi gestire da solo. Vuoi una migliore salute spirituale? Trova il tempo per connetterti con qualcosa di più grande di te stesso e della tua esistenza quotidiana; anche solo guardare il cielo di notte ti aiuta a vedere che fai parte di qualcosa di molto più grande di questo mondo materiale in cui siamo tutti coinvolti. Vuoi una migliore salute sociale? Costruisci relazioni di qualità con persone gentili, positive e di supporto e lascia andare le relazioni negative. Vuoi una migliore salute emotiva? Impara a capire le tue emozioni e da dove provengono, e impara ad osservarle in modo da poter rispondere in modo più riflessivo invece di reagire semplicemente ad esse. E se vuoi una migliore salute finanziaria, allora sistema le tue finanze: sii consapevole delle cose per cui spendi soldi, conosci la differenza tra un vero bisogno e un desiderio, torna alle origini e concentrati su ciò che conta davvero di più, e soprattutto sii organizzato in modo da poter avere un rapporto positivo con il denaro. E poi l’altra cosa che dirò qui è che se vuoi avere una migliore vita lavorativa, sta a te fare delle scelte che (a) diano la priorità a ciò che conta davvero per te nella vita e (b) che mettano la serenità mentale al centro di tutto ciò che fai, sia al lavoro che a casa.

Tutte queste cose sono importanti perché guideranno le scelte che fai e le tue scelte modellano ciò che accadrà dopo. È la tua vita e puoi scegliere; nessun altro può dirti cosa fare e tu puoi decidere cosa fare e non fare… il che è fantastico, perché significa che sei tu ad avere il controllo, ma è anche una sfida perché significa che la responsabilità è tutta tua. So che potrebbe sembrare un po’ difficile, ma personalmente lo trovo piuttosto motivante perché serve a ricordarmi che sono io quello che decide cosa fare o non fare, e questo è il vero potere. È per questo che non sono un grande fan delle persone che dicono cose come “Mi hai fatto fare questo!” perché (a) ehm, non hai sentito parlare di responsabilità personale?, e (b) nessuno può obbligarti a fare nulla; non sei un burattino, il che significa che sei tu a tenere le redini!

Qui si tratta di fare scelte intelligenti nella vita. Le scelte intelligenti sono quelle che fai oggi che ti preparano al successo domani, e in realtà sono tante piccole scelte che possono sommarsi nel tempo per portare un risultato particolare (ad esempio, mangiare un po’ di cibo spazzatura ogni tanto non fa nulla, ma mangiare male ogni giorno, nel giro di poche settimane noterai sicuramente l’impatto che questa cattiva abitudine ha su di te; fidati, lo conosco per esperienza personale!). E ora tornerò di nuovo tutto meta e filosofico: fare scelte più intelligenti è una scelta, ed è una scelta che puoi fare consapevolmente. Lasciatemi dire due cose a riguardo: primo, solo perché si prende una scelta una volta, non vuol dire che ormai non c’è più nulla da fare; molto spesso dobbiamo fare e rifare le nostre scelte mille volte prima che funzionino (e molto spesso suggerisco alle persone di pensare a quali sono quelle scelte e di ripensarci consapevolmente almeno una volta al giorno per ricordare a te stesso ciò su cui ti stai concentrando e, cosa più importante, sul perché lo stai facendo). E poi la seconda parte che voglio dire sul fare le tue scelte è che sicuramente farai degli errori di tanto in tanto; al posto di incolparti se e quando lo fai, scegli di trattarli come opportunità di apprendimento e poi riprendi a fare scelte sane ogni giorno andando avanti.

Allora come lo fai? Bene, sembra un’ottima scusa per entrare nella parte pratica dell’episodio di oggi, quindi parliamo di…

Come fare scelte sane per il tuo benessere

Bene, quindi iniziamo con il mio consiglio più importante ovvero guardare il quadro generale, perché devi capire dove stai andando, in generale, in modo da poter fare scelte in linea con i tuoi obiettivi e aspirazioni. Come mai? Perché altrimenti le tue scelte non saranno ancorate a nulla e quando non consideri il quadro più ampio, puoi facilmente prendere decisioni che potrebbero avere conseguenze indesiderate. E parlando di quel tipo di processo di pensiero, il mio punto successivo è…

Tieni a mente le tue priorità e i tuoi obiettivi – e non c’era dubbio sul fatto che l’avrei detto, perché tendo a dirlo in tante salse nella maggior parte dei miei episodi. Questa è un’estensione del punto precedente, nel senso che le tue scelte dovrebbero essere allineate a ciò che conta di più nella tua vita. Mi piace prendermi un momento per analizzare le mie opzioni e poi se una scelta è importante, in termini di priorità e obiettivi, allora la faccio compio, mentre se non lo è, allora non importa. Inoltre, parlando di questo argomento, è davvero utile annotare le tue priorità e i tuoi obiettivi e rivederli regolarmente (puoi renderlo semplice individuando le tue 3-5 priorità principali e poi annotando i tuoi obiettivi più grandi per l’anno successivo, o per i seguenti due o cinque anni). Il mio consiglio riguardo tutto ciò è di renderlo il più semplice possibile, perché più complicate sono le cose, più queste tendono ad essere complicate (quindi probabilmente non sorprende che la “serenità mentale” sia una delle mie prime cinque priorità!) . OK, parlando di tempi, priorità e scelte, il mio prossimo punto è…

Immagina il futuro, perché quando ti trovi a dover fare una scelta, può essere molto utile visualizzare a cosa stai lavorando per capire in che punto del percorso si inserisce questa particolare scelta. Ad esempio, mi piace restare aperto alle opportunità, tuttavia, bilancio questa tendenza assicurandomi di rimanere concentrato sulle cose che voglio fare e ottenere; non ha senso per me accettare un’opportunità che mi si presenta se non ha nulla a che fare con la direzione in cui mi sto dirigendo. È il motivo per cui limito le mie sedute individuali con i clienti a una manciata di persone, perché voglio assicurarmi di avere un sacco di tempo per scrivere e creare, il che è una parte importante di ciò a cui lavorerò in futuro (voglio dire, ehi, questi libri non si scriveranno da soli e sembra che scrivere 70.000 parole richieda molto tempo e fatica… chi lo sapeva?!). Ancora una volta, pensa al tuo futuro in termini di un anno, due e cinque anni a venire e lascia che questo influenzi le tue scelte. Va bene, il prossimo…

Considera tutte le tue opzioni, perché potrebbe sembrare che tu abbia solo una o due possibili scelte da fare, ma è molto probabile che ci siano molti approcci diversi che puoi adottare… quindi, fai un brainstorming di almeno quattro diverse opzioni che puoi prendere in considerazione (e ricorda che quando ti viene data la possibilità di scegliere tra fare una cosa o farne un’altra, hai sempre anche una terza scelta: non fare niente!). OK, il prossimo…

Considera gli effetti, perché ogni azione ha un effetto a catena, quindi devi pensare a quali sono le conseguenze di ogni possibile linea di condotta. Ad esempio, se decidi di rimanere sveglio fino a tarda notte per una settimana, non dormirai abbastanza, il che avrà un impatto sulla tua capacità di essere produttivo durante il giorno, il che potrebbe portare a errori e probabilmente ti renderà più irritabile (non so te, ma una notte insonne e mi ritrovo con le peggiori occhiaie sotto gli occhi). Prenditi del tempo per prevedere cosa accadrà o non accadrà per ciascuna opzione possibile in modo da poter prendere le tue scelte in modo più consapevole. Un altro modo per farlo è attraverso il mio prossimo consiglio…

Fai una lista di pro e contro — e questo è semplice come prendere un pezzo di carta, dividerlo a metà e poi annotare tutti i potenziali aspetti positivi di ogni particolare scelta contro a tutti quelli negativi. Se i contro superano i pro, voglio dire, non dico che hai già la tua risposta, ma ti dicoche è una bandiera di avvertimento abbastanza grande che cerca di attirare la tua attenzione, quindi sii consapevole. Un’altra cosa di cui devi essere consapevole quando si tratta delle tue scelte è il mio prossimo punto …

Trova l’equilibrio tra la tua testa e il tuo cuore, perché se fai una scelta troppo guidata dalle emozioni, senza considerare i fatti, allora è molto probabile che porterà al solito grande pasticcio che dovrai riparare (e ti garantisco che il te-futuro non sarà molto felice!), mentre allo stesso tempo se le tue scelte sono troppo fredde e logiche, probabilmente non ne sarai del tutto appassionato o eccitato, il che significa che sarà molto più difficile entusiasmarsi. Tutte le nostre scelte richiedono un equilibrio tra testa e cuore in modo da poter avere un buon rapporto tra emozione e logica. Fidati del tuo istinto e ascolta i tuoi sentimenti, ma fai attenzione ai fatti in modo da poter fare una scelta equilibrata. OK, il prossimo…

Sii consapevole della differenza tra una scelta “sana” e una “malsana”, che è qualcosa di cui ho appena parlato nell’episodio 133, sull’autocontrollo, e mi piace pensarla in questo modo: le scelte sane sono quelle che non recano nessun danno a te o agli altri. Punto. Oh, e questo mi sembra il momento appropriato per dire uno dei miei tanti, molti mantra che sembrano apparire nella maggior parte degli episodi: moderazione in tutte le cose (e ho parlato di moderazione nell’episodio 128). OK, il prossimo…

Fai qualche ricerca: quando scrivo questi episodi non mi siedo e scrivo parole di getto seguendo i miei pensieri, ma mi prendo il tempo per fare le mie ricerche. Penso a quali sono i messaggi generali che voglio trasmettere e poi vado alla ricerca di risorse di qualità che mi aiutino a esplorare le cose in modo più approfondito (e per “risorse di qualità” intendo articoli su siti Web affidabili sottoposti a revisione paritaria, e non solo quello che ha pubblicato tua zia Susan su Facebook che non ha assolutamente prove a sostegno). La ricerca ti aiuta a guardare le cose da prospettive diverse e ti posso garantire che ogni singolo episodio, senza prova di dubbio, finisco la ricerca con un sacco di nuovi pensieri e idee che non avrei mai considerato se non l’avessi fatto, senza il fatto che rappresenta un modo molto più completo di affrontare qualsiasi cosa su cui sto lavorando. Quindi, fai un po’ di ricerca per aiutarti a trovare idee diverse (ma assicurati di utilizzare fonti di qualità!). OK, il prossimo…

Pensa a quale consiglio daresti a un caro amico : senti, non so te, ma so di essere abbastanza bravo a guardare le cose in modo obiettivo quando si tratta degli altri (e anche quando scrivo questo podcast e i miei video di YouTube!), ma poi la metà delle volte mi dimentico di seguire il mio stesso consiglio. Invece di prendertela con te stesso, se anche tu sei così (come lo sono molti di noi!), sfida te stesso a pensare a quale tipo di consiglio o supporto potresti dare se qualcuno a cui tieni ti venisse a parlare di qualsiasi scelta che deve fare, e poi considerare obiettivamente i tuoi consigli. E parlando di consigli, il mio prossimo punto è…

Chiedi consiglio a qualcuno di cui ti fidi (e la cui opinione conta davvero) — perché ci sono molte persone in questo mondo con molte opinioni (voglio dire, questo è l’intero modello operativo di Twitter), ma francamente a meno che tu non sia qualcuno che ammiro e rispetto, e a meno che tu non ti risolva i tuoi problemi da solo (per quanto sia possibile, dato che siamo tutti work in progress), allora non sono davvero interessato a ricevere consigli da persone che non rappresentano il tipo di persona che voglio essere. Trova persone di cui ti fidi e rispetti e chiedi loro un consiglio obiettivo sulle diverse opzioni che potrebbero essere a tua disposizione. OK, il prossimo…

Concediti il permesso di commettere errori, perché se passi tutto il tuo tempo a preoccuparti di fare la scelta “perfetta”, non farai mai nulla, perché la perfezione semplicemente non esiste! Errori e fallimenti in realtà possono aiutarti a lungo termine; Non farei questo podcast e il lavoro che faccio senza aver commesso un sacco di errori in passato. Ho trattato alcuni argomenti su questo in passato: errori nell’episodio 2, fallimento nell’episodio 84 e perfezionismo nell’episodio 98. E questo porta al mio punto successivo che è…

Concentrati sulla crescita continua– ed ora la mia vita passata nel settore aziendale sembra riemergere, perché il “miglioramento continuo” svolge un ruolo enorme nella gestione delle operazioni e più in generale nel fare affari. Come mai? Perché se fai sempre quello che hai sempre fatto, allora otterrai sempre quello che hai sempre ottenuto… quindi devi essere disposto a provare cose nuove per crescere costantemente, e questo ti aiuta ad adattarti al mondo che cambia intorno te (che continuerà a cambiare, non importa cosa fai o non fai!). Pensala in questo modo: quando ti sfidi a migliorare un po’ ogni giorno facendo scelte intelligenti e ponderate, ti aiuti a fare piccoli passi per diventare la migliore versione di te stesso. Che è un’opzione molto più bella dell’essere bloccati e non evolvere mai!

Riepilogo e chiusura

Perché quando si tratta di scelte e salute mentale, tutto si riduce a questo: ciò che scegli di fare o non fare ha un’influenza diretta sul tuo futuro. Può essere un po’ opprimente da pensare, perché è legato un senso di responsabilità nel scelte ponderate, consapevoli e salutari, ma mi piace vederlo più come qualcosa di cui essere entusiasta; dopotutto, il fatto che le tue scelte plasmino il tuo futuro significa che qualunque cosa tu decida di fare o non fare dopo è completamente sotto il tuo controllo, e questo ti permette di assumere un maggiore controllo del tuo destino… e non so voi, ma Preferirei di gran lunga essere quello che ha il controllo di guidare la propria vita piuttosto che lasciarmi trascinare senza meta per  tutto il viaggio! Creare una vita che sembri significativa e appagante sta solo a te e alle scelte che fai, e facendo scelte sane potrai modellare la tua vita in un modo che non immagini nemmeno. 

A te la scelta, così come per tutto ciò che riguarda il tuo benessere… quindi, quale scelta farai oggi? 

Ogni settimana mi piace concludere condividendo una citazione sull’argomento della settimana e ti incoraggio a dedicare qualche momento per rifletterci davvero e capire cosa significa per te. La citazione di questa settimana è di autore sconosciuto, ed è:

Puoi essere qualunque tipo di persona tu scelga di essere. Le tue abitudini, i tuoi comportamenti, le tue risposte sono tutte una tua scelta”.

Sconosciuto

Va bene… per questa settimana è tutto.

La prossima settimana parlerò dell’immagine corporea. A volte mi piace sfidare davvero me stesso e spingermi fuori dalla mia zona di comfort, e parlare dell’immagine del corpo è sicuramente qualcosa che mi provoca molto disagio, e continua a farlo da anni. Ma, ehi, credo di essere ad un punto in cui sono così aperto a mostrare la mia anima al mondo, che potremmo anche andare un po’ più a fondo e guardare come l’immagine del proprio corpo possa avere un effetto positivo o negativo sulla propria salute mentale e sul proprio benessere. Quindi la prossima volta parlerò di cos’è l’immagine corporea, perché affrontare i problemi con la propria immagine corporea è importante, e come costruire un’immagine corporea più sana per te stesso.

Spero che ti unirai a me per quell’episodio, che uscirà domenica 19 giugno 2022.

Se questo episodio ti ha aiutato, mi piacerebbe se lasciassi una recensione a cinque stelle sulla piattaforma su cui mi stai ascoltando, o vai sul mio Instagram @ltamentalhealth e fammi sapere. E se vuoi supportare me e il mio lavoro, allora ho un Patreon dove offro vantaggi esclusivi per i miei sostenitori; troverai il link nella descrizione dell’episodio, inoltre è collegato al mio sito Web all’indirizzo letstalkaboutmentalhealth.com.au (dove puoi anche iscriverti alla mia newsletter gratuita, dove condivido una rapida dose di ispirazione per la salute mentale ogni giovedì).

E ho anche un canale YouTube dove pubblico nuovi video ogni mercoledì… quindi, se desideri ancora più contenuti sulla cura della tua salute mentale, unisciti a me laggiù (e anche questo è collegato nella descrizione dell’episodio)!

E un rapido promemoria: da ora puoi preordinare il mio libro, prima dell’uscita del libro il 7 luglio (2022); controlla la descrizione dell’episodio per i link.

Grazie mille per esserti unito a me oggi. Prenditi cura di te stesso e fai uno sforzo consapevole per condividere positività e gentilezza nel mondo, perché riavrai ciò che hai messo fuori. Abbi cura di te e alla prossima!

Jeremy 🙂

Let’s Talk About Mental Health è prodotto con orgoglio da Reconnaissance Media, aiutandoti a trovare significato e gratitudine. Per ulteriori informazioni, visitare il sito ricognizionemedia.com 

Let’s Talk About Mental Health. © 2022 Jeremy Godwin.

Le informazioni fornite in questo episodio sono di conoscenza generale sull’argomento e non costituiscono un consiglio. Dovresti consultare un medico e/o un professionista della salute mentale se hai problemi con la tua salute mentale e il tuo benessere. Troverai ulteriori informazioni nella pagina Risorse di questo sito web.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.