Parliamo di… Bisogni e Necessità

Por Jeremy Godwin

Quali sono i bisogni? Cosa sono i desideri? E come si fa a capire la differenza tra i due e perché è importante? È di questo che parlo questa settimana su… Parliamo di Salute Mentale — il podcast settimanale sulla cura della tua salute mentale, con idee semplici che puoi mettere in pratica sin da subito.

Quindi, mettiti comodo e parliamo di salute mentale…

Ascolta ora l’episodio del podcast nel lettore Spotify di seguito o continua a leggere per la trascrizione completa.

Trova collegamenti ad altri servizi di podcasting disponibili qui. Nota: l’audio dell’episodio è disponibile solo in inglese.

Oltre al mio podcast, pubblico video sul mio canale YouTube ogni mercoledì (martedì pomeriggio in Nord/Sud America). Questa settimana: come la tua mentalità influisce sul tuo benessere (in inglese, con sottotitoli in inglese).

Guarda la puntata di questa settimana qui sotto o visita il canale su YouTube:

Questo episodio del podcast è stato originariamente rilasciato il 26 giugno 2022.

Ciao e benvenuto all’Episodio 137 e grazie mille per esserti unito a me!

Sono Jeremy Godwin e parlo di come prendersi cura della propria salute mentale. Ho avuto un esaurimento nervoso nel 2011 che mi ha portato ad un periodo di grave ansia e depressione, e questo mi ha fatto intraprendere in viaggio per saperne di più sulla mia salute mentale. Così ho cominciato il mio percorso e ho preso una laurea in psicologia e sociologia, e ora mi dedico a fornire ciò che non riuscivo a trovare quando ne avevo bisogno: semplici consigli su come prendersi cura di sè e migliorare il proprio benessere mentale, da qualcuno che capisce davvero cosa si prova a vivere momenti di crisi e sfide quotidiane. In ogni episodio mi concentro su un argomento specifico ed esamino in che modo migliorare quell’aspetto del tuo benessere.

Questo episodio è tutto focalizzato sui bisogni e parlerò di cosa sono i bisogni (e cosa non sono), perché capire i tuoi bisogni è importante e come gestirli in modo sano. Allora, parliamo!

Rapidamente, un promemoria che il mio libro, Let’s Talk About Mental Health (Volume One), uscirà il 7 luglio 2022: puoi preordinare l’eBook ora (il link è nella descrizione dell’episodio) e sarà disponibile in stampa da Amazon alla data di uscita (non sono disponibili preordini per la versione stampata)… grazie a tutti coloro che l’hanno già ordinato e se non l’avete ancora fatto allora fatelo subito!

Va bene, ora continuiamo con l’episodio di questa settimana sui bisogni…

Introduzione

Casualmente, nelle ultime due settimane ho avuto molte conversazioni con molte persone (inclusi molti dei miei clienti) sui bisogni e sulle necessità… il che è divertente perché ho scelto questo argomento mesi fa, quindi non sono sicuro se questa è solo una coincidenza o se è perché sono iper-consapevole dell’intera questione dei desideri contro i bisogni in questo momento, a causa di questo episodio, o di una combinazione di entrambi. In ogni caso, sembra che io abbia bisogno parlare di bisogni… il che è una fortuna, dato che questo è l’argomento di questa settimana!

Dai un’occhiata alla raccolta delle canzoni popolari degli ultimi 50 e più anni e nota quanto si parli di bisogni e necessità; nel 1967, i Beatles affermarono che All You Need Is Love (non è vero, tra l’altro – l’ossigeno è molto più importante!) e da lì è stato tutto in discesa, in termini di quanto sembrassimo aver bisogno di un sacco di le cose.

Oggi per iniziare, dirò qualcosa di leggermente controverso: la maggior parte delle cose di cui pensiamo di aver bisogno sono in realtà solo desideri, e in effetti il nostro intero sistema economico globale è stato costruito sull’idea che un “desiderio” è in realtà un ‘bisogno’ fondamentale — ora, non voglio dire di smettere di vivere in questo modo (e Dio solo sa che non sono un santo quando si tratta di acquistare cose; se vedessi la mia cronologia degli acquisti su Amazon probabilmente saresti esausto di leggerla fino alla fine) ma il punto è questo: quando interpretiamo i nostri desideri come bisogni, siamo influenzati a fare determinate scelte per esaudire dei bisogni che in realtà sono solo desideri. In altre parole, se pensi di aver bisogno di più cose, devi trovare più soldi per pagare quelle cose (per non parlare di dover trovare un posto dove metterle tutte), e lo stesso vale per molti altri aspetti della nostra vita, come le relazioni e le amicizie. E poi l’altra cosa che dobbiamo tenere in considerazione è che quello che vuoi potrebbe non essere necessariamente quello di cui hai effettivamente bisogno. Conoscere la differenza tra i tuoi bisogni e i tuoi desideri ti aiuta a fare scelte più intelligenti, che a loro volta contribuiscono a migliorare la salute mentale e il benessere.

Quindi, diamo un’occhiata ad alcune definizioni e parliamo di…

Quali sono i bisogni?

I tuoi bisogni sono, fondamentalmente, le cose di cui hai bisogno per sopravvivere: aria, acqua, cibo, sonno e un tetto sopra la testa. Senza quelle cose moriresti. C’è altro di cui hai bisogno oltre a questi bisogni basilari, e su questo ci ritornerò, ma la cosa che voglio sottolineare prima di tutto è che la maggior parte delle cose di cui pensiamo di aver bisogno sono in realtà desideri; in altre parole, le nostre voglie. Non realizzare i nostri desideri non ci uccide (a differenza della mancanza di aria o acqua)… certo, potresti morire d’imbarazzo se dovessi usare un iPhone vecchio di tre anni, ma ti assicuro che sopravivveresti anche se all’inizio avresti paura, saresti pietrificato (proprio come Gloria Gaynor).

La questione è che i desideri sono il pizzico in più che varia le nostre vite, quindi non sto affatto dicendo che dovresti rinunciare a tutti i tuoi desideri perché, beh, quanto sarebbe noiosa la vita se facessimo il minimo indispensabile per sopravvivere? Ci deve essere un po’ di colore e gioia in tutto il resto, e quindi qui si tratta di essere premurosi e riflessivi sui desideri che scegliamo di perseguire; in altre parole, capire cosa ti porterà soddisfazioni vere e durature e poi fare scelte in linea con le tue priorità.

Quindi, ho detto prima che oltre al minimo indispensabile per sopravvivere, ci sono altri bisogni, e chiunque abbia mai letto un libro di auto-soccorso o seguito una lezione di psicologia dovrebbe avere probabilmente sentito parlare della gerarchia dei bisogni di Maslow, che è molto probabilmente una delle teorie più note riguardo la motivazione in circolazione (e l’ho menzionato alcune volte negli episodi precedenti di questo podcast). Non ti annoierò con la descrizione completa della teoria da manuale ma, in sostanza, suggerisce che sono le nostre varie esigenze e il fatto che vengano soddisfatte o meno che ci spingono a rispondere e a comportarci di conseguenza. Maslow ha suggerito che ci sono cinque livelli di bisogni a partire dal più fondamentale fino ai nostri bisogni di livello superiore e che coprono i nostri bisogni fisiologici (come respirazione, acqua, cibo ecc.), i nostri bisogni di sicurezza (come avere una casa sicura, essere in grado di guadagnare soldi per sostenerci, ecc.), i nostri bisogni di amore e appartenenza (come amicizia, famiglia, intimità e così via), i nostri bisogni di stima (come fiducia e autostima, nonché realizzazione e rispetto) e, infine, il bisogno di sentirci realizzati (che riguarda la sensazione di realizzare il nostro potenziale come individui attingendo ai nostri talenti e capacità).

Allora perché condivido tutto questo? Bene, ci sono due ragioni. In primo luogo, la teoria di Maslow suggerisce che sono i nostri bisogni che ci guidano e ci spingono avanti… il che penso abbia senso, altrimenti perché facciamo la metà delle cose che facciamo quotidianamente? Voglio dire, faccio questo podcast e il lavoro che faccio perché ho bisogno di sentirmi come se stessi facendo un lavoro che sembri significativo e che attinge dalle mie capacità ed esperienze, altrimenti non mi sentirei obbligato a dedicare così tanto tempo e impegno in ciò che creo ogni settimana. E il secondo motivo per cui ho condiviso la gerarchia della teoria dei bisogni è questo: Maslow suggerisce che se i nostri bisogni più elementari e fondamentali non vengono soddisfatti in modo coerente, questo può effettivamente rendere estremamente difficile fare qualsiasi progresso nei nostri bisogni di livello superiore. Pensala in questo modo: se stai lottando per continuare a mettere il cibo in tavola, probabilmente farai delle scelte che danno la priorità a quel bisogno di base rispetto a qualsiasi altra preoccupazione. Un esempio di ciò che mi viene in mente nella mia vita è la scelta che ho fatto quando ho finito il liceo di iniziare subito un lavoro a tempo pieno piuttosto che andare all’università; Avevo bisogno dei miei soldi per uscire di casa, dal momento che non era un ambiente sicuro, e quindi l’idea di andare all’università non l’ho nemmeno presa in considerazione perché avevo bisogno di un lavoro per poter uscire di lì (e l’ho fatto, molto rapidamente; alla fine ho finito per andare all’università verso la fine dei miei 30 anni, quando mi trovavo ad un livello molto diverso della mia vita in termini di esigenze e priorità).

Ad ogni modo, questo porta alla parte successiva di questa conversazione, che è…

Perché capire le tue esigenze è importante

Ed è importante perché molte delle cose senza le quali pensiamo di non poter vivere sono in realtà solo desideri, non bisogni. Questa è una distinzione importante da fare perché, quando inseguiamo i nostri desideri come se fossero bisogni, possiamo finire per fare scelte che potenzialmente ci allontanano da ciò di cui abbiamo effettivamente bisogno. Ad esempio, ho detto molto apertamente che lavoro solo con una manciata di clienti, e che i la mia agenda è off-limits per il prossimo futuro, perché devo bilanciare il mio desiderio di guadagnare con il mio bisogno di una vita che mi faccia stare bene… e lavorare 40, 50, 60 ore a settimana non è quello che voglio o di cui ho bisogno, anche se lavorare più ore arricchirebbe il mio conto in banca. Quello di cui ho bisogno è sentirmi come se stessi facendo un lavoro di cui mi sento orgoglioso e soddisfatto, ma essere in grado di farlo in un modo che mi dia tutto il tempo per vivere una vita a tutto tondo, lontano dal mio lavoro. Ad esempio, sto registrando questo episodio di venerdì e ho intenzione di finire il lavoro al più tardi entro le 14 in modo da potermi premiare per lo sforzo che ho fatto per tutta la settimana.

Penso che le persone creative, in particolare, siano famose per permettere al proprio lavoro di invadere tutti gli angoli della propria vita (voglio dire, lo faccio a volte… soprattutto quando vengo colpito dall’ispirazione dal nulla) e penso, in realtà, che indipendentemente da cosa fai con il tuo tempo o cosa fai per lavoro, è così facile concentrarsi su tutte le cose che potremmo fare con il tempo a disposizione. Tuttavia, più fai, più devi fare sacrifici; per esempio, più ti impegni nelle scelte finanziarie per un determinato stile di vita, più devi guadagnare per mantenerlo… e quindi devi lavorare di più, con conseguente minor tempo per le cose al di fuori del lavoro. Mi sento come se facessi un bel po’ di battute sul nostro lavoro, stile di vita lavorativo (e forse lo faccio) ma credo che, almeno per me, ogni volta che mi sono seduto e ho fatto un elenco di ciò che veramente conta di più per me nella vita, non ci sono mai “cose” o “oggetti” in cima a quella lista, ma invece sono le persone a cui tengo di più e la sensazione di usare il mio tempo su questo pianeta per fare qualcosa che sembri importante e significativo in qualche modo. E quindi se sono queste le mie priorità, indovina dove si concentrano le mie esigenze? La mia esigenza è di fare di queste cose la mia massima priorità e poi decidere cosa fare con tutte le altre cose che saranno sempre in competizione per la mia attenzione o cercheranno di tentarmi. Le scelte che fai modellano direttamente ciò che devi fare per supportare quelle scelte; non lasciare che ciò che desideri ti distragga da ciò di cui hai veramente bisogno.

Mi limiterò a dire che, oltre ai nostri bisogni più fondamentali (che ho menzionato prima), penso che, per la maggior parte di noi, il nostro più grande bisogno nella vita sia effettivamente quello di essere notato, preso in considerazione e rispettato come un essere umano, sia dalle altre persone che da noi stessi. In realtà, penso che principalmente vogliamo e dobbiamo essere amati per quello che siamo veramente… e molte delle cose che scegliamo di fare sono solo tentativi di farlo accadere. Altrimenti, che senso avrebbe vivere senza nemmeno un’altra persona testimone di ciò che sei veramente, e sentirsi dire: “Ehi, ti vedo e hai valore”. E forse a volte è difficile essere quel tifoso per noi stessi, quindi, abbiamo solo bisogno di qualcun altro che ci dimostri che va bene essere quello che siamo e che è davvero possibile amare noi stessi e accettare noi stessi, i difetti e tutto il resto.

Sai, quando sei un bambino pensi di aver bisogno di avere tutti i giocattoli nel negozio e che devi assolutamente avere una torta al cioccolato a colazione ogni giorno, ma una volta raggiunta l’età adulta inizi a capire che in realtà sono solo desideri (e non particolarmente sostenibili; c’è un punto nel processo di invecchiamento in cui solo guardare la torta ti farà ingrassare e si chiama l’età che ho adesso!). Questo è quel pezzo che ho menzionato prima sul fatto che ciò che vuoi potrebbe non essere effettivamente ciò di cui hai veramente bisogno. Penso ai “bisogni” rispetto ai “desideri” in questo modo: le nostre “necessità” sono ciò di cui abbiamo bisogno , mentre i nostri “desideri” sono ciò che vogliamo. Pensa a bisogni come la miscela di base per torte e poi i desideri sono i sapori che aggiungi per renderlo più di un mix di farina, uova e acqua (non ho idea del perché apparentemente sono ossessionato dalla torta al momento, forse perché è il mio compleanno a inizio luglio quindi sto decidendo cosa voglio!).

Ciò non significa che i desideri siano il male o che dovremmo semplicemente ignorarli (perché onestamente, quanto sarebbe noiosa la vita se coprissimo solo il minimo indispensabile di ciò di cui abbiamo bisogno per sopravvivere?!)… ma, conoscendo la differenza tra i tuoi bisogni e i tuoi desideri ti aiuterà a fare scelte più intelligenti nella vita. Ad esempio, potresti voler pagare per tutti i diversi servizi di streaming televisivo, ma ne hai davvero bisogno? Probabilmente no! I nostri bisogni ci danno scopo e direzione; i nostri desideri ci danno opzioni su come realizzare i nostri bisogni… dobbiamo solo capire che le scelte che faremo avranno una sorta di conseguenza, in termini di ciò che dobbiamo fare o del prezzo che dobbiamo pagare. È qui che vale la pena essere veramente onesti con sè stessi su ciò che è un “desiderio” rispetto a ciò che è un vero “bisogno” e qual è il prezzo di un dato “desiderio”. Ad esempio, se volessi vivere di nuovo in città (non lo è, ma è per fare un esempio), allora dovrei fare scelte molto diverse in termini di lavoro che svolgo rispetto a come sto vivendo la mia vita un piccolo paese di campagna dove il costo della vita è molto più basso. Quindi dovrei soppesare il costo di quel desiderio rispetto a ciò che sarei disposto a fare per realizzarlo… in tal caso, il costo è troppo alto (in termini di costo effettivo e di cosa ciò farebbe al mio tempo e alla qualità della mia vita). Devi solo essere in grado di essere onesto con te stesso e conoscere la differenza tra un desiderio e un’esigenza reale; Voglio dire, anche le Spice Girls conoscevano la differenza tra un desiderio e un bisogno (e, sì, questa è fondamentalmente solo un’opportunità per me di dire “tell me what you want, what you really really want”).

Allora, come fai tutto questo? Bene, entriamo nella parte come fare a… dell’episodio di oggi e parliamo di…

Come gestire le tue esigenze in modo sano

OK, per prima cosa, definisci ciò di cui hai più bisogno, e per la maggior parte di noi questo va di pari passo con le nostre priorità nella vita (di cui parlo molto e di cui ho parlato nell’episodio 3 quando ero un piccolo podcaster con solo un microfono economico e un sogno). Ognuno di noi ha le proprie cose che contano di più per sé, e per molti di noi le nostre priorità più alte sono spesso quelle a cui teniamo di più; per me, è il mio partner e il nostro gatto, così come la mia famiglia e i miei amici, e poi oltre a questo si tratta di avere la libertà di creare il mio destino e di essere in grado di fare un lavoro che sembri significativo. Essere in grado di identificare quelle priorità e bisogni per te stesso ti aiuta a identificare meglio ciò che conta davvero per te, e questo conta perché ti informerà su ciò che farai dopo. E parlando di questo, il mio prossimo punto è…

Chiediti perché qualcosa è una priorità, e questo è qualcosa che non penso che molti di noi facciano consapevolmente molto spesso, il che è del tutto comprensibile e quindi ti incoraggerò gentilmente (o meno!) a fermati e pensare al motivo per cui le tue priorità e i tuoi bisogni sono così importanti per te. Ad esempio, penso che molti di noi diranno istintivamente che le nostre relazioni più strette contano, ma ci fermiamo mai a pensare al perché? Nel caso del mio partner ed io, per me sento che è perché ci sosteniamo l’un l’altro e diamo amore incondizionato, il che significa che abbiamo questo posto nella vita in cui possiamo essere i nostri sé più veri e autentici e non essere giudicati per questo e che soddisfa questo bisogno davvero fondamentale di essere visto e valorizzato come essere umano. Ha senso? Ad ogni modo, spero che tu capisca il mio punto qui, che è quello di essere chiaro sul perché qualcosa è importante per te al fine di comprenderne meglio l’importanza. Come mai? Perché devi saperlo per il mio prossimo punto, che è…

Sappi cosa vuoi e cosa ti serve e concentrati sul fare combaciare le due cose, perché quando puoi farlo, sei più in grado di essere obiettivo su ciò che stai facendo e perché, il che, a sua volta, ti aiuta a trovare maggiore equilibrio nella vita. Ho parlato di come farlo alcune volte negli episodi precedenti, come l’ episodio 49 sulla ricerca dell’equilibrio e l’ episodio 113 sulla pianificazione. OK, il prossimo…

Se qualcosa è un desiderio, non un bisogno, considera il suo valore per te – e con questo intendo il suo valore in termini di ciò che ti offre perseguendolo. Ho parlato prima del mio lavoro e della mia necessità di fare un lavoro che ritengo significativo, ma il fatto è che creare questo podcast e il mio canale YouTube è un desiderio, non un bisogno; lo faccio per soddisfare quel bisogno, ma potrei farlo in migliaia, se non milioni, di modi diversi. Voglio farlo perché mi piace e perché è fantastico vedere che con il mio lavoro riesco ad aiutare le persone, così come è gratificante vedere le mie cose funzionare bene in termini di numero di ascolti o altro . C’è un valore che aggiunge, e che probabilmente non troverei se cercassi di soddisfare il mio bisogno lavorando a tempo pieno come psicologo, per esempio. Quindi, pensa a quale sia per te quel valore (e se non sei sicuro allora forse è un segno che non è così prezioso per te, nel qual caso ti incoraggerei a pensare se ne vale la pena o meno). Parlando di “valore”, il mio prossimo punto è…

Identifica il “prezzo” di un desiderio, perché tutte le azioni hanno un prezzo, in termini di ciò che devi fare per realizzarlo o per sostenerlo. Quando sai cosa ti richiederà una determinata scelta, fisicamente ed emotivamente, puoi quindi fare una scelta informata se vale o meno quel prezzo (e, tra l’altro, puoi sempre cambiare idea in un secondo momento). Ricorda che con abbastanza tempo, impegno e perseveranza puoi praticamente avere, essere e fare tutto ciò che vuoi… si tratta solo di quanto sei disposto a sacrificare per realizzarlo, e se ciò avviene a discapito di uno o più dei tuoi bisogni, allora probabilmente ti ritroverai in un mondo di guai. Ricorda che c’è un’enorme differenza tra inseguire costantemente momenti di felicità e costruire una soddisfazione duratura nella tua vita (di cui ho parlato nell’episodio 110). OK, il prossimo…

Rispetta le tue esigenze sopra ogni cosa, perché quando ignori i tuoi bisogni, rendi più difficile trovare la vera soddisfazione nella vita. Ho iniziato oggi la sezione delle istruzioni evidenziando che è necessario sapere quali sono le proprie esigenze, e ora lo aggiungo in termini di renderle una priorità (e intendo renderle effettivamente una priorità, non di dire che lo sono e poi lasciarti distrarre da ogni altro oggetto luminoso e brillante che incontri sulla tua strada). Considera i tuoi bisogni ad ogni livello (in altre parole, fisiologici, sicurezza, amore e appartenenza, stima, poi autorealizzazione) e poi pensa a come stai effettivamente ritagliando tempo per ciò che conta veramente per te. Ad esempio, se le tue amicizie sono in cima alla lista dei bisogni ma non stai trovando il tempo per entrare in contatto con gli amici, allora ti stai danneggiando! Pensa a come i tuoi obiettivi si allineano ai tuoi bisogni e poi dedica la maggior parte del tuo tempo e della tua attenzione per soddisfare i tuoi bisogni… e posso anche dire qui, dal momento che ho menzionato le amicizie e questo mi ha fatto pensare alle relazioni in generale, che è importante avere come priorità l’avere delle relazioni di qualità: non è tanto il numero di persone nella tua vita quanto la qualità di quelle relazioni. OK, il prossimo…

Se non sei sicuro se qualcosa sia un bisogno o un desiderio, chiediti se potresti sopravvivere senza di esso — e questo è, secondo me, probabilmente il modo più semplice, perché la maggior parte delle cose che desideriamo, potremmo effettivamente sopravvivere senza (anche se sarebbe scomodo o triste). Ciò non significa che devi rinunciare ai tuoi desideri; ti aiuta solo a contestualizzarli e assicura che abbiano meno potere su di te (perché quando pensiamo di aver bisogno di qualcosa, spesso facciamo di tutto per cercare di realizzarlo, il che può causarci molte sofferenze inutili). Va bene, il prossimo…

Comunica ciò di cui hai bisogno agli altri , perché come ho detto molte volte negli episodi passati, le altre persone non possono leggere la tua mente, quindi devi aiutarli a capire di cosa hai bisogno e perché qualcosa è importante per te (e inoltre ti incoraggio a scoprire lo stesso da loro), e ho parlato di come farlo nell’episodio 134 sulla comunicazione. OK, il prossimo…

Sii ciò di cui hai bisogno, perché è tua responsabilità soddisfare i tuoi bisogni, non di qualcun altro. Una relazione sana, indipendentemente dal tipo (amico, partner, famiglia, qualunque cosa), è quella che aggiunge qualcosa alla tua vita piuttosto che completarla. Devi essere ciò di cui hai bisogno e ti incoraggio a considerare davvero ciò di cui potresti aver bisogno per diventare la migliore versione possibile di te stesso, poco a poco, ogni giorno. E, a proposito, ho parlato dell’amore nell’episodio 127 e dell’amicizia nell’episodio 115, quindi potresti trovarli utili.

Riepilogo e chiusura

Perché quando si tratta di bisogni e salute mentale, tutto si riduce a questo: ciò di cui hai bisogno e ciò che desideri potrebbe non essere necessariamente la stessa cosa, ma quando sei in grado di portare ciò di cui hai bisogno e ciò che desideri in equilibrio, sarai in grado di stabilire solide basi per una vita che sembra più soddisfacente. Crea sicuramente un po’ di pepe e varietà nella tua vita perseguire i tuoi desideri, ma prenditi il tempo necessario per assicurarti che siano desideri sani e per capire il loro prezzo in modo da poter fare una scelta consapevole che dia la priorità in primo luogo ai tuoi bisogni più fondamentali.

A te la scelta, così come per tutto ciò che riguarda il tuo benessere… quindi, quale scelta farai oggi? 

Ogni settimana mi piace concludere condividendo una citazione sull’argomento della settimana e ti incoraggio a dedicare qualche secondo per rifletterci davvero e considerare cosa significa per te. La citazione di questa settimana è di autore sconosciuto, ed è:

“A volte siamo così concentrati su ciò che vogliamo che ci mancano le cose di cui abbiamo bisogno”.

Sconosciuto

Va bene… per questa settimana è tutto.

La prossima settimana parlerò di valori. Chi sei e cosa rappresenti? È una domanda abbastanza grande ed è una questione che va al centro della nostra identità di esseri umani, perché i nostri valori modellano ciò che facciamo e non facciamo con il nostro tempo su questo pianeta. Ma cosa sono i valori e come influenzano la tua salute mentale? Bene, questo è ciò di cui parlerò nel prossimo episodio del podcast Let’s Talk About Mental Health . Parlerò di cosa sono i valori (e cosa non sono), perché capire i tuoi valori è importante e come gestirli in modo sano.

Spero che ti unirai a me per quell’episodio, che uscirà domenica 3 luglio 2022.

Se questo episodio ti ha aiutato, mi piacerebbe se lasciassi una recensione a cinque stelle sulla piattaforma su cui mi stai ascoltando, o vai sul mio Instagram @ltamentalhealth e fammi sapere. E se vuoi supportare me e il mio lavoro, allora ho un Patreon dove offro vantaggi esclusivi per i miei sostenitori; troverai il link nella descrizione dell’episodio, inoltre è collegato al mio sito Web all’indirizzo letstalkaboutmentalhealth.com.au (dove puoi anche iscriverti alla mia newsletter gratuita, dove condivido una rapida dose di ispirazione per la salute mentale ogni giovedì).

E ho anche un canale YouTube dove pubblico nuovi video ogni mercoledì… quindi, se desideri ancora più contenuti sulla cura della tua salute mentale, unisciti a me laggiù (e anche questo è collegato nella descrizione dell’episodio)!

Inoltre, un rapido promemoria che puoi preodrinare il mio libro ora, prima dell’uscita del libro il 7 luglio (2022); controlla la descrizione dell’episodio per il link.

Grazie mille per esserti unito a me oggi. Prenditi cura di te stesso e fai uno sforzo consapevole per condividere positività e gentilezza nel mondo, perché riavrai ciò che hai messo fuori. Abbi cura di te e alla prossima!

Jeremy 🙂

Let’s Talk About Mental Health è prodotto con orgoglio da Reconnaissance Media, aiutandoti a trovare significato e gratitudine. Per ulteriori informazioni, visitare il sito ricognizionemedia.com 

Let’s Talk About Mental Health. © 2022 Jeremy Godwin.

Le informazioni fornite in questo episodio sono di conoscenza generale sull’argomento e non costituiscono un consiglio. Dovresti consultare un medico e/o un professionista della salute mentale se hai problemi con la tua salute mentale e il tuo benessere. Troverai ulteriori informazioni nella pagina Risorse di questo sito web.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.